MotoGp, Bagnaia cede il passo a Martin ma senza polemiche

Pecco Bagnaia ha dovuto riconoscere, dopo il MotoGp di Francia, che Jorge Martin sta vivendo un grande momento. Le sue parole dimostrano ancora una volta, se ce ne fosse stato bisogno, grandissima umiltà.

Si tratta sicuramente di un percorso di crescita importante per il pilota della Ducati che ha vinto l’ultima prova di recente.

Il terzo posto, da vincente qual è, non sarà andato giù a Bagnaia che ha comunque dimostrato di essere uomo di sani principi e grande voglia oltre che cuore. Le sue parole sono quantomeno emozionanti e ci spiegano tutta la sua tenacia e la sua voglia di fare anche se non tolgono nulla a chi ha fatto meglio di lui.

Sulla gara, dove è arrivato dietro a Martin e Marquez, ha sottolineato: “Ci ho provato, ho dato tutto cercando di gestire la partenza. Marquez e Martin però ne avevano più di me. Sono contento di aver concluso la gara anche perché erano due anni che qui non riuscivo. Il terzo posto è un risultato buono considerando cosa è successo”.

Spiega: “Ovviamente mi dispiace di non aver vinto, ma abbiamo fatto il massimo e ho faticato per essere veloce al settore 3. Mi è mancato qualcosa, ma ci riproverà a Barcellona. Sorpasso Marquez? Pensavo di stare appiccicato a Martin per provarci alle 13 dove ero forte, ma Marquez ha frenato più forte di me alle 9 ed è stato incisivo passandomi. Non sono però riuscito a ributtarmi dentro, è mancata la Sprint per le gomme, loro ne avevano di più. Ma lavoreremo per migliorare“.

Bagnaia e la pista

Pecco Bagnaia non aveva grande confidenza con questa pista, anzi ha avuto tanti problemi che hanno complicato il suo percorso, infatti è stato lui, come prima specificato, a dichiarare di avere visto numerose difficoltà e di aver finito per la prima volta questo tracciato.

Bagnaia umile
La voglia di Bagnaia (ANSA) Derapate.AllaGuida.it

Il pilota ha aggiunto sulle prossime gare: “Sono piste in cui vado forte, arriva il Mugello che è la gara di casa di cui abbiamo molto bisogno”.

Insomma vediamo quello che accadrà, ma la situazione appare abbastanza netta ed evidente col pilota che ha voglia e necessità di riprendersi tutto quello che ha nel mirino per arrivare a dei risultati che potrà garantire solo ed esclusivamente grazie alla sua personalità.

La stagione è ancora lunga e Pecco, giustamente, non rinuncia a provare a vincere il MotoGp anche se è consapevole che quest’anno Jorge Martin va molto veloce.

Impostazioni privacy