Pedrosa sulla griglia di partenza

Quali le aspirazioni di Pedrosa per la stagione 2006 della MotoGp?

da , il

    Pedrosa sulla griglia di partenza

    Mancano poco più di 2 giorni al grande debutto dello spagnolo Dani Pedrosa nel grande circo della Motogp e le luci sono tutte puntate su di lui, Ducati a parte. 20 anni compiuti appena 6 mesi fa, ma già un palmares e un carattere da far invidia a molti: l’anno scorso vincitore indiscusso della due e mezzo, trionfatore nel 2004 in un campionato pieno zeppo di talenti del calibro di De Angelis e Poggiali fino alla vittoria del 2003 nel quarto di litro.

    Guarda anche:

    Il piccolo talento di Sabadell, che nel 2004 sbaragliò tutti gli avversari diventando così, a 19 anni e 18 giorni, il più giovane centauro iridato della 250cc, si dice adesso pronto per gareggiare ai massimi livelli senza alcuna paura e certo di poter essere da subito protagonista tra i grandi nomi del motomondiale.

    Una personalità decisa nei suoi 47 Kg di peso (tempo fa si era pensato addirittura di zavorrarlo!) e un talento acceso e divertente fanno di Daniel Pedrosa un pilota equilibrato e determinato a scalare le vette della classe regina. Alla domanda “Cosa pensi che ti manchi in questo momento, per essere competitivo nella nuova categoria”, Dani, con perfetto aplomb, risponde diplomaticamente “Ci sono categorie dove per vincere è sufficiente avere talento, altre in cui è sufficiente avere una buona moto. Nella MotoGP è un insieme di queste cose: talento, una buona moto, degli buoni pneumatici, una buona squadra e soprattutto molta esperienza. In questo momento questa è la cosa che mi manca.”

    Vero, serve esperienza. Quella che forse manca a Pedrosa nel suo esordio sui 5 cilindri della MotoGP a cui certamente non è facile abituarsi, ma che il piccolo spagnolo ha comunque saputo accumulare a suon di risultati nelle classi inferiori. Il vero problema, se di problema si può parlare non avendo ancora riscontri veritieri in gara, rimane la Honda post-Rossi, sempre troppo convinta che per vincere basti avere la moto migliore, piuttosto che il miglior pilota.

    E se è vero che la RC211V resta la moto da battere, è anche vero che forse ancora per poco, almeno finche l’elettronica non avrà soppiantato completamente il talento, i piloti rimangono gli autori del successo o meno del proprio team.

    In una carriera indissolubilmente legata alla casa alata, il passaggio di Pedrosa in Motogp vestendo i colori HRC è stato naturale e fisiologico. Allevato da sempre per diventare l’anti-Rossi, la Honda ripone grande fiducia e grandi aspettative in lui al punto di affidargli lo sviluppo della RC211V versione 2006. Compito non facile in cui tanti suoi predecessori, a partire da Barros, hanno fallito. Colpe che vanno ripartite ovviamente, ma che purtroppo non hanno fatto salire la Honda sul gradino più alto del podio.

    Rimane dunque da capire la politica Honda: è vero che è così indietro? E’ stata una mossa corretta affidare lo sviluppo di una moto concepita per vincere ad un pilota di talento, ma ancora inesperto nella classe regina? Potranno Hayden e Pedrosa contrastare la fantasia di Valentino, la determinazione di Capirossi o la sete di rivincita di Gibernau (senza contare la rumorosa assenza di Biaggi) ?

    Viene da porsi una domanda. In tutte le competizioni, ma soprattutto nella MotoGP, occorre essere un buon collaudatore, oltre che un pilota di talento: riuscirà dunque il piccolo Pedrosa a portare a termine lo sviluppo della moto e portarla sistematicamente sul podio?

    La carriera di Daniel Pedrosa

    2005: Campione del Mondo 250cc

    2004: Campione del Mondo 250cc

    2003: Campione del Mondo 125cc

    2002: 3° Classificato Campionato del Mondo 125cc

    2001: 8° Classificato Campionato del Mondo 125cc

    2000: 4° Classificato 1999: 8° Classificato Movistar Activa Joven Cup

    1998: Campione di Spagna di Minimoto

    1997: 3° Classificato Campionato di Spagna di Minimoto

    Vittorie: 22 (8 in 125cc. e 14 in 250cc.)

    Podii: 39 (17 in 125cc. e 22 in 250cc.)

    Pole positions: 17 (9 in 125cc. e 8 in 250cc.)

    Prima vittoria: G.P. di Olanda 2002 (Assen) in 125cc.

    Primo podio: G.P. Comunidad Valenciana 2001 (3º) in 125cc.

    Primo Gran Premio: Giappone 2001 in 125 cc.

    Debutto: Campionato di Spagna di Minimoto 1996