GP Canada F1 2016, qualifiche Red Bull. Ricciardo contento, sospensione da rivedere

Potrebbe essere necessario sostituire i braccetti della posteriore destra dopo il contatto con il Muro dei campioni

da , il

    GP Canada F1 2016, qualifiche Red Bull. Ricciardo contento, sospensione da rivedere

    La minaccia Red Bull nelle qualifiche del Gran Premio del Canada si è progressivamente sgonfiata per la Ferrari, anche grazie al super-giro di Sebastian Vettel. Ricciardo e Verstappen sono alle spalle, clienti fortissimi con gomma supersoft e non altrettanto competitivi con la ultrasoft, con la quale arretrano dietro una delle due SF16-H. In prospettiva gara non sembrano clienti troppo pericolosi in caso di gran premio sull’asciutto: il passo gara nei long run al venerdì era distante dai riscontri Mercedes e Ferrari. Diverse sarebbero le cose con un gran premio sul bagnato, come si augura Max Verstappen, battuto ancora una volta in qualifica da Ricciardo: tre su tre. Per seguire la gara LIVE in diretta web su Derapate, BASTA CLICCARE QUI!

    «Credo che sia stata una qualifica buona, più o meno ci siamo, si spera sempre di avvicinarsi ai primi, domani in gara speriamo di poterci avvicinare ulteriormente e con un po’ di pioggia sarà interessante. Sarà difficile battere le Ferrari, daremo del nostro meglio, il passo gara sembra piuttosto buono», spiega l’olandese.

    Leggi anche | Hamilton in pole a Montreal, Vettel a un soffio | Vettel: “Grandissima macchina, potevo fare la pole” | Hamilton: “Potevo fare meglio”

    Ricciardo non si è risparmiato, tutt’altro. Ha anche impattato con il Muro dei campioni piuttosto duramente, più di Vettel, con un angolo più favorevole rispetto a Sainz, che ha aperto la sospensione posteriore destra e concluso le prove in Q2. «Non appena ho toccato il muro ho pensato a quel che era successo a Carlos e mi dicevo “Per favore tieni la ruota attaccata fino al traguardo, poi possono anche staccarsi!”. Alla fine, non credo di aver perso troppo, ho portato dentro la curva così tanta velocità che ho guadagnato quel che ho perso in uscita toccando il muro. Probabilmente la posizione non sarebbe cambiata», commenta Daniel, quarto a poco meno di 2 decimi da Vettel.

    Potrebbe essere necessario sostituire i braccetti della sospensione in parco chiuso, dovessero essere danneggiati: «Anche ieri, nelle libere 1, hanno preso un colpo piuttosto importante. Vedremo. Sembrava un po’ flettere dopo il traguardo, la macchina ha oscillato e sono sicuro che la FIA ci lascerà sostituire i pezzi se sarà necessario, in caso dovessero essere messi male. Non credo d’aver perso il decimo e mezzo per cui Seb ci è davanti, sono piuttosto contento. E’ stato un week end forte e credo siamo cresciuti via via, messo tutto insieme e siamo contenti del quarto posto, a soli 3 decimi dalla pole».